Consigli su come posizionare una vasca freestanding nel tuo bagno

Se lo spazio lo consente ed avete intenzione di creare un bagno di grande stile, dovreste valutare di comprare una vasca freestanding per trasformare il bagno in una bella spa. I modelli in commercio sono tanti e diversi, uno più bello dell’altro, e possono proprio creare un ambiente davvero sofisticato. Come dice la parola stessa “freestanding”, questo tipo di sanitario lo si può installare dove si desidera in base ai gusti, ovviamente tenendo conto della posizione degli scarichi.

Modelli, misure, colori

Cambiano i modelli, cambiano le misure, i colori: le misure più diffuse, comunque, sono 170×80 o 180×80 ed il colore più scelto è sicuramente il bianco, perché è luminoso, valorizza la luce dell’ambiente e non stufa mai. Squadrato o tondeggiante, tutto dipende da come si è arredato il bagno. Volendo, esistono anche modelli che possono essere appoggiati sul lato lungo ad una parete, ma che mantengono lo stile free standing. La vasca non ha bisogno di rivestimenti e supporti, visto che la struttura portante l’autosostiene.

La vasca, come detto, la si installa dove si vuole anche se rimane cosa indispensabile che vi arrivino gli scarichi e l’attacco all’impianto idraulico. Nella maggior parte dei casi il lavabo è sul bordo della vasca, esistono tuttavia anche modelli però in cui il rubinetto è esterno, a terra. La sua unicità e particolarità rende questo arredo bagno apprezzato anche da chi ha gusti più sofisticati. E si adatta sia al bagno moderno minimalista e contemporaneo, sia a quello industriale e vintage.

Fra i materiali più scelti per le vasce freestanding c’è l’acrilico, igienico, piacevole al tatto e di alta qualità. Esso si presenta bello esteticamente, ma è anche molto resistente sia ai graffi che agli urti, consentendo così di utilizzare la propria vasca senza troppe remore. Il telaio migliore, invece, è sicuramente quello in acciaio inox.

Installazione della vasca free standing

L’installazione non è difficoltosa, perché come detto non ci sono particolari supporti a parte o chissà che strutture, ma è opportuno affidarsi ad un esperto se non si ha dimestichezza in questo tipo di lavori. L’installazione, infatti, deve essere fatta con molta cura e precisione per poter avere poi un prodotto che funziona bene e senza problemi a lungo. Indispensabile è stabilire la precisa posizione, anche perché poi non è possibile spostare la vasca. Meglio quindi dedicare tempo alla fase preparatoria, per essere precisi al millimetro, considerando tutti i dettagli.

Ovviamente di norma non si ha uno scarico in centro alla stanza, ma se si intende mettere un prodotto come questo, va creato. La procedura è lunga, ma non difficile. Scelta e segnata la posizione della vasca freestanding bisognerà partire dall’installare il sifone e le tubature, passando poi all’allaccio dello scarico. Sistemata la vasca, è bene provare i rubinetti, per poi fare gli ultimi ritocchi con il silicone. In tutto ci si mettono 3-4 ore di lavoro. Acquistando la vasca dal produttore via web e pagando semplicemente le ore di lavoro per il montaggio all’artigiano che effettua il montaggio, sicuramente comunque si risparmia non poco.