Distanze tra sanitari: quali sono le regole per sistemare il bagno senza errori

Progettare il bagno è molto più semplice di quanto si possa pensare, ma ovviamente ci sono delle regole che vanno rispettate, anche per avere un bagno a norma. I bagni di oggi sono molto spesso di dimensioni ridotte e per inserire tante cose si corre quindi il rischio di riempire troppo non riuscendo poi praticamente a muoversi.

Una delle domande che ci si fa più spesso in fase di allestimento di un nuovo bagno, ma soprattutto in fase di ristrutturazione quando è più facile ci si arrangi un po’ è quali sono le distanze minime da tenere, o quelle più opportune, fra i diversi sanitari del bagno.

La domanda è semplice, ma non affatto scontata, specie se non si è del settore. Eppure è importante avere questa risposta al momento della progettazione, non solo per non lasciare nulla al caso e far stare tutto nell’ambiente, ma anche per avere poi un bagno che non sia solo bello, ma anche davvero funzionale, fruibile e comodo.

Distanze fra i sanitari del bagno: le regole

È importante sapere che la disposizione dei sanitari in bagno non può essere frutto del caso, ma deve rispettare regole ben precise. La legge che definisce il tutto è la UNI 9182/2010 aggiornata con la 2182/2014: si tratta di testi lunghi, noiosi e di difficile comprensione, ma non è un problema perché riassumiamo subito il contenuto inerente le distanze. Ecco quali sono i fondamentali relativi alle misure minime fra i vari elementi e rispetto alle pareti laterali.

Ecco le distanze fra wc-bidet-lavabo-doccia/vasca

La norma in questione stabilisce che fra la parete laterale ed il vaso devono intercorrere minimo 15 centimetri. Fra il bidet ed il wc invece ci devono essere minimo 20 cm. 20 cm sono invece la distanza minima che, sempre secondo la normativa, devono esserci fra il bidet e la doccia o vasca che sia e sempre 10 sono se invece si mette il bidet accanto al lavabo. Se si mette il wc invece accanto alla vasca basteranno 10 cm di distanza. Se ci sono due lavabi essi dovranno distare l’uno dall’altro almeno una decina di cm. Se invece si mette il lavabo accanto alla doccia sono sufficienti 5 cm di distanza.

Riassumendo le distanze minime:

  • muro-wc: 15 cm
  • wc-bidet: 20 cm
  • doccia-bidet: 20 cm
  • bidet-lavabo: 10 cm
  • wc-doccia: 10 cm
  • lavabo-lavabo: 10 cm
  • lavabo-doccia: 5 cm.

Frontalmente, rispetto ad una parete o anche ad un altro elemento o sanitario, lo spazio che ci deve essere minimo di distanza è di 55 cm.

Rispettare le norme è importante per sé

Queste sono le distanze che permettono di avere il proprio bagno a norma. Se è vero che nessuno verrà mai, in teoria, a misurare quanta sia la distanza fra il vostro bidet e il vaso, è anche vero che tendenzialmente è sempre bene seguire le normative perché sono fatte per un uso agevole dei servizi. Un bagno con misure inferiori rischierebbe di risultare scomodo e alla fine poco utile. Prodotti come sanitari sospesi permettono comunque di risparmiare qualche centimetro quantomeno in profondità.