La pulizia del tuo piatto doccia: consigli utili ed errori da non fare

Pulire le ceramiche del bagno, vaso, bidet, lavabo e piatto doccia è un’operazione che richiede di solito l’utilizzo di prodotti forti ed aggressivi. Non solo perché sono indispensabili per rimuovere sporco ostinato e cattivi odori tipici altrimenti di questi oggetti, ma anche e soprattutto per eliminare i batteri che nell’ambiente umido di questo ambiente trovano il clima ideale. La pulizia ben fatta, infine, è anche qui proprio una questione di estetica e di buongusto.

La prima cosa in assoluto per facilitare il discorso pulizia è quello di scegliere prodotti, inteso come sanitari e piatto doccia, di alta qualità che non subiscano danni all’utilizzo di chimici e che non favoriscano la penetrazione di sporco che crea macchie.

Come pulire il bagno: prodotti

I prodotti per la pulizia del bagno sono oggi tantissimi, ma non sono tutti uguali e per persone sensibili ed allergiche questo genere d’operazione diventa un vero e proprio problema. Ma sono proprio necessari prodotti chimici? Dopotutto sulle confezioni di prodotti in commercio vediamo citati in grande ingredienti che abbiamo già in dispensa. Sarà forse che li si potrebbe utilizzare direttamente per una pulizia naturale? In alcuni casi è proprio così.

Ingredienti come bicarbonato di sodio, limone ed aceto bianco, impiegati anche dagli industriali, hanno capacità sbiancante, igienizzante e di pulizia incredibili. È chiaro tuttavia che funzionano se le operazioni di lavaggio vengono fatte con regolarità. Se, cioè, passa davvero molto tempo fra un intervento di pulizia e l’altro, bisognerà per forza passare alle maniere forti con i chimici.

Pulizia con prodotti naturali

Unendo gli ingredienti sopracitati, ovvero: bicarbonato, aceto bianco, limone, è possibile ottenere una crema densa da utilizzare come detergente per il bagno. Essa va impiegata come un normale detersivo, ovvero strofinandola sulle zone più critiche, con l’accortezza magari di lasciare agire qualche minuto extra, prima di procedere strofinando con una spugna abrasiva o una spazzola e poi sciacquare.

Con questo metodo naturale si può pulire ogni piatto doccia, anche quelli in materiali delicati che tendono ad ingiallire. È comunque come detto prima consigliato optare per prodotti più durevoli e resistenti. Restando sull’onda dei prodotti naturali c’è anche un sistema più strong, ovvero quello di applicare sulle macchie ostinate sale unito ad olio di trementina. Anche con questo metodo si lascia agire il prodotto prima di rimuoverlo.

Le maniere forti per lo sporco più ostinato

Quando lo sporco non ha intenzione di andarsene anche se si puliscono i sanitari e la doccia regolarmente, è il momento di passare alle maniere forti. Macchie, incrostazioni testarde si combattono ahimé solo con prodotti chimici appositi che si trovano diffusamente nei supermercati. La modalità d’uso può dipendere dal tipo di prodotto, dalla consistenza, dall’obiettivo. Trattandosi di prodotti forti è importante non fare l’errore di non sciacquare bene o non usare guanti in lattice.

Prima di utilizzare comunque qualunque prodotto anche se naturale e chimici è consigliato informarsi sul materiale con cui è fatto il piatto doccia e sulle indicazioni per la pulizia dello stesso: ci sono alcuni materiali che sono molto delicati e si rischia quindi di fare danni irreparabili.