Lo specchio per il bagno: come sceglierlo e le tipologie più gettonate

Anche se a volte qualcuno sottovaluta la sua importanza, è il cuore del bagno, l’elemento che tutti ricercano non appena entrano e la prima cosa che si guarda varcata la porta. Parliamo dello specchio del bagno, spesso venduto insieme al mobile per il lavabo, ma di fatto elemento a sé. Le tipologie in commercio sono tante e la scelta dipende dallo spazio e dalle esigenze individuali.

I modelli più tecnologici e moderni sono di sicuro quelli con luce Led integrata che possono essere specchi contenitori, con cornice o filo lucido. Molto comodi sono anche quelli con già una parte di specchio con l’applique ingranditore, comodo per vedersi nel dettaglio. La forma più scelta, nonché la più comoda e con la quale non si sbaglia mai, è di sicuro quella squadrata o rettangolare.

Vediamo come orientarsi al meglio e quali sono i modelli inclusi negli arredo bagno di Import For Me.

Gli specchi moderni

Lo specchio per il bagno moderno non ha nulla a che vedere con il classico specchio magico delle favole, ma ha un ruolo comunque altrettanto utile e nobile. Molto spesso viene venduto in abbinato al mobile per il lavabo, riprendendone stile e design. Di fatto però uno specchio moderno lo si potrebbe mettere in associazione ad ogni bagno moderno o potrebbe essere inserito anche in altri stili, vista la sua essenzialità.

Gli specchi di oggi, infatti, hanno linee regolari, finiture quasi inesistenti o davvero ridotte, fatte per scomparire in favore della parte dedicata propriamente al riflesso delle immagini. Gli unici elementi che spiccano dallo specchio sono i sistemi di illuminazione che possono disporsi in modo variegato a seconda del modello. In alcuni casi, però, lo specchio è dotato di mensoline e laterali o di una cornice, come fosse un quadro che richiamano il mobile lavabo, riprendendone il colore e il tipo di legno. È il caso del mobile bagno Dante o dell’Old England.

Quali sono le caratteristiche di uno specchio per bagno perfetto?

Una delle prime cose da considerare quando si sceglie lo specchio è la dimensione che dovrebbe sposarsi con quella del mobile lavabo a cui fa da contorno. La regola vorrebbe che lo specchio non deve mai essere più lungo, ma proporzionato, meglio se perfettamente allineato. Per uno strettissimo mobile come il Ryan da 41 cm si abbina, infatti, uno specchio altrettanto stretto come questo.

Maggiore è la larghezza del mobile, maggiore diventa quella dello specchio. È comunque corretto anche che quest’ultimo sia un po’ più corto o addirittura rotondo, come viene abbinato al mobile Paris di cui comunque il prodotto richiama le parti in legno.

L’altezza dello specchio è una caratteristica che può variare in base allo spazio a disposizione e ai gusti. Più è alto comunque lo specchio, migliore è la visuale che si ha ed il senso di profondità che esso è in grado di dare. Qualora il mobile lavabo sia doppio è uso installare due specchi separati più piccoli, ognuno in corrispondenza di una vasca.

Specchi particolari

Particolari e gettonatissimi per via della loro capacità di sorprendere e di essere utili sono gli specchi con le luci Led incorporate e quelli contenitori. Con la luce incorporata è possibile godere di un’illuminazione fatta ad hoc, pensata proprio per quello specchio, capace di conferire un’eccellente visuale per truccarsi o farsi la barba, per esempio. Un esempio? Lo specchio venduto con il mobile bagno Las Vegas.

Popolari sono anche gli specchi contenitori, prodotti salva spazio incredibili capaci di presentarsi comunque belli e semplici. A differenza di quanto qualcuno potrebbe pensare questi specchi hanno elevata capacità contenitiva e sono in grado di favorire l’avere un bagno in ordine e organizzato. Un esempio? Lo specchio abbinato al mobile bagno Space England.