Piatto doccia: tutti i materiali che ci sono in commercio e le loro peculiarità

Un tempo i piatti doccia erano tutti di colore bianco, in ceramica lucida. Di fatto si tratta di un tipo di materiale che viene usato moltissimo anche oggi anche se sul mercato ce ne sono anche altri che soprattutto gli amanti della modernità, apprezzano. Cerchiamo di capire quali sono i materiali più diffusi per il piatto doccia e le caratteristiche di ognuno, cosicché sia più facile scegliere fra i prodotti a disposizione.

L’acrilico: il più economico e camaleontico

Un materiale molto diffuso è di certo l’acrilico che è anche il più economico che si trova sul mercato. Esso lo si trova in vari modelli perché è un materiale che si lascia adattare in modo semplice. Molti lo utilizzano per la realizzazione di piatti doccia a filo pavimento, perché può essere anche molto sottile. Il materiale è caldo al tatto, quindi molto gradevole rispetto ad altri materiali. I piatti in acrilico sono anche apprezzati per la superficie che è naturalmente antiscivolo. L’unica cosa a cui bisogna fare attenzione se si sceglie questo materiale è la cura, nel senso che non deve venire a contatto con fonti di calore e preferibilmente non va esposto ai raggi solari.

Questo perché altrimenti tende a diventare giallino. Attenzione va fatta anche quando si utilizza la doccia poiché è bene che non restino residui di shampoo o sapone troppo a lungo, altrimenti l’acrilico tende a macchiare. Per la pulizia è meglio utilizzare l’acqua calda e basta, prodotti aggressivi ne potrebbero compromettere la colorazione.

Ceramica: un classico intramontabile

Come detto, la ceramica è un materiale tradizionale che tutti conosciamo ma che è ancora oggi molto utilizzato per i piatti doccia. La novità sta eventualmente nei modelli: oggi si possono trovare finiture particolari, spessori vari, anche molto sottili. La ceramica è sempre bella, luminosa, anche se di certo non risulta di certo qualcosa di design o di moderno magari. Basta magari rifarsi con il resto dell’arredamento.

La ceramica è molto resistente ai graffi, quindi di solito dura davvero molti anni, ma teme gli urti. Il piatto doccia in questo materiale si può pulire con prodotti di ogni genere, anche aggressivi con la sicurezza che si mantiene inalterato nel tempo, anche come colorazione.

Resina o agglomerato: bello e di design

Un materiale molto gettonato nei bagni in stile moderno è sicuramente la resina, a cui si aggiungono miscele minerali particolari. Il prodotto è di solito impiegato dove si vuole un piatto doccia a filo pavimento perché può essere davvero molto sottile. I colori possono essere diversi e le finiture simil-pietra molto belle esteticamente. Questo materiale consente la realizzazione anche di docce molto grandi perché molto malleabile, sicuro e di facile accesso.

Per quando delicato secondo alcuni, in realtà è un materiale che non dà grossi problemi perché si ripara anche molto facilmente. Per garantire comunque maggiore resistenza oggi molte volte vengono fatti trattamenti particolari sulla superficie. Qualora nel corso del tempo subisse variazioni, la resina si può sottoporre a rinnovo, rifacendo solo lo strato superficiale, senza dover cambiare piatto mai più. Antiscivolo, questo materiale è sicuro e confortevole.

A questo link puoi trovare tutte le informazioni sui piatti doccia semicircolare: misure, dettagli, aperture e vantaggi